venerdì 24 ottobre 2014

Pulcini 2005: Verdi-Mario Zanconti 0-3 Gialli-Caravaggio 1-3


Weekend da dimenticare quello dei nostri piccoli leoni gialloverdi, apparsi un po' sottotono del doppio match giocato tra le mura amiche. Rispetto alle ultime prestazioni facciamo non uno ma due passi indietro.
Entrambi i match paiono avere la stessa metrica: locali in vantaggio dopo pochi minuti ma che subiscono il prepotente ritorno degli ospiti che in tutti e tre i tempi, nonostante frequenti cambi di giocatori, non si riesce a fermare. Noi badiamo molto poco al risultato ma questa volta purtroppo è mancata anche la prestazione; non ci resta che metterci d'impegno negli allenamenti settimanali per dimostrare che noi siamo molto più forti di quello che abbiamo dimostrato questo sabato!
Ringraziamo tutto il nostro numerosissimo pubblico e lo invitiamo ai prossimi match: Gialli impegnati contro Interseriatese (Seriate ore 14:30) e Verdi contro AzzanoGrassobbio (Azzano ore 16:15)...ciao a tutti e forza Oriens!!

giovedì 23 ottobre 2014

Programma gare prossimo week-end


Sabato 25 ottobre
  • Pulcini 2006 "gialli"  vs  Piccoli amici 2007 "pomeridiano" (Oriens arena, ritrovo ore 13.30, inizio partita ore 14.15)
  • Pulcini 2006 "verdi"  vs  Tritium calcio 1908 (Oriens arena, ritrovo ore 13.30, inizio partita ore 14.15)
  • Interseriatese  vs  Pulcini 2005 "gialli" (Campo parrocchiale, Via Po, Seriate. Partenza ore 13.15, inizio partita ore 14.30)
  • Azzano F. Grassobbio  vs  Pulcini 2005 "verdi" (Campo comunale n.2, Via per Stezzano 33, Azzano San Paolo. Partenza ore 15.15, inizio partita ore 16.15)
  • Brignanese  vs  Pulcini 2004 (convocazione ore 14.15 presso Centro sportivo comunale, Via dell'Innominato, Brignano Gera d'Adda. Inizio partita ore 15.00)
  • Esordienti 2003  vs  Real Bolgare (Oriens arena, ritrovo ore 14.15, inizio partita ore 15.10)
  • Esordienti 2002  vs  Fulgor Canonica calcio (Oriens arena, ritrovo ore 15.15, inizio partita ore 16.10)
  • Juniores  vs  ARX G.S. Arcene (Campo comunale Brembate, inizio partita ore 15.00)
  • Grumello del Piano  vs  Dilettanti Oriens (Oratorio, Piazza Aquileia 8, Bergamo "Grumello del Piano". Inizio partita ore 14.30)
  • Atletico Non Troppo  vs  Calusco calcio (Oriens arena, inizio partita ore 17.00)
Domenica 26 ottobre
  • Forza e Costanza 1905 sq. B  vs  Giovanissimi (Campo parrocchiale, Via Piave 46, Martinengo. Inizio partita ore 10.00)
  • Mario Zanconti  vs  Allievi (Oratorio "S. Agostino", Via San Giovanni Bosco, Treviglio. Inizio partita ore 10.00)
  • Sporting Valentino Mazzola  vs  2a categoria (Campo comunale "Valentino Mazzola" n.1, Viale Europa, Cassano d'Adda. Inizio partita ore 14.30)
A tutte le nostre squadre, un grande in bocca al lupo!!!
Forza Oriens

Corso di “Allenatore di Portieri per il Settore Giovanile e Dilettanti”


Bando di Ammissione al Corso di “Allenatore di Portieri per il Settore Giovanile e Dilettanti” (di seguito solo Corso), che avrà luogo a Brembate - Bergamo con inizio il giorno 24 novembre 2014 e termine il giorno 13 dicembre 2014

1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C. indice e organizza il Corso sopra indicato.
2. Il Corso si svolgerà a Brembate – Bergamo presso l’Oratorio Don Todeschini in Via Vittorio Veneto 42 ed avrà la durata di tre settimane consecutive (quattro giorni settimanali) per un totale di 48 ore, con l'obbligo per i partecipanti di frequentare le attività didattiche.
3. Il numero degli ammessi al corso è stabilito in 40 allievi.
4. La F.I.G.C. si riserva la possibilità di ammettere al Corso, in soprannumero, un candidato dalla stessa indicato.
5. E’ fatta salva la possibilità per il Settore Tecnico di ammettere al Corso, in soprannumero, gli allenatori iscritti nei ruoli, che nella loro carriera di calciatori (nel ruolo specifico di portiere) abbiano partecipato ad almeno una fase finale dei Campionati del Mondo per Nazionali A con la Rappresentativa Italiana.
6. Il corso non avrà luogo se il numero degli allievi iscritti risulterà inferiore a 30 unità.
7. Per poter essere ammessi, fatto salvo quanto previsto ai punti 4 e 5, è necessario che i soggetti siano in possesso dei seguenti requisiti:
a) residenza nella regione in cui ha sede il corso. Per i calciatori professionisti la residenza può anche
intendersi convenzionalmente fissata presso la Società professionistica per la quale sono tesserati. Il Settore Tecnico si riserva comunque la possibilità di autorizzare la partecipazione al Corso a tutti coloro che per accertati motivi di lavoro (presentazione copia contratto lavoro) abbiano il solo domicilio giuridicamente eletto nella regione in cui ha sede il corso.
b) cittadinanza italiana o residenza da almeno 2 anni in Italia;
c) età minima 23 anni compiuti alla scadenza della presentazione delle domande;
d) certificazione di idoneità alla pratica sportiva non agonistica del giuoco del calcio, rilasciata dal
proprio medico curante o da specialisti in medicina dello sport, ai sensi delle vigenti disposizioni legislative, con validità fino al termine del Corso.

(segue)

Clicca qui per scaricare l'intero bando in formato pdf

martedì 21 ottobre 2014

Lettera di un allenatore alla mamma di un bimbo “scarso”

Grazie al nostro mister Enzo per aver segnalato questo bel messaggio.


“Salve signora! Per me che ho allenato un anno suo figlio, sapere che è sua intenzione quella di interrompere l’attività, è un piccolo-grande fallimento da allenatore. Un fallimento non solo come tecnico, ma anche come persona, indipendentemente da quelle che sono le problematiche singole del bambino, della famiglia. Non essere riuscito a coinvolgerlo a pieno, a stimolarlo, ad integrarlo al meglio all’interno della squadra, a fargli migliorare quei limiti quel tanto che sarebbe bastato, a farlo considerare “più bravo”, da se stesso, ma anche da sua madre. Volevo comunque dirle che suo figlio non sarà stato il migliore fisicamente, tecnicamente, tatticamente… ma eccelleva, era il più bravo, per la sua attenzione, per l’applicazione delle direttive dategli. Per il rispetto che ha sempre dimostrato nei miei confronti, durante gli allenamenti ed alle partite. In questo era il migliore. E’ sicuramente il migliore, basta farlo continuare a giocare, se è quello che lui vuole! Con tutte queste qualità umane, si può migliorare tantissimo, lavorando per colmare i suoi limiti. Glielo dice uno che, una volta, non aveva spazio a Passaggio di Bettona, nella squadra dei suoi amici e coetanei. A 14 anni stavo per smettere di giocare, andai a giocare in un altro ambiente, a Cannara, e trovai lì modo di esprimere al meglio quello che avevo dentro. Di migliorare, di vincere tante partite, tante quante ne avevo perse a Passaggio quando, oltretutto, non venivo molto considerato dall’ambiente e dall’allenatore. A Passaggio di Bettona ci sono tornato a 20 anni, dopo aver vinto anche un campionato nazionale juniores per squadre dilettanti, con il Cannara. Ci sono tornato, perché m’hanno cercato loro (evidentemente qualcuno non mi aveva considerato quanto meritavo in passato) ed ho giocato e vinto tanto. Ho vinto anche un campionato anche a Passaggio, prima di infortunarmi e di smettere di giocare qualche anno fa. Ma smettere di giocare è una delle poche cose che cambierei del mio passato, glielo assicuro! Anche perché nel calcio sono riuscito a dimostrare a me stesso che con la passione ed il lavoro si possono ottenere grandi soddisfazioni personali, senza sotterfugi di sorta, in maniera pulita. Solo facendosi “un culo così”, insomma. Aggiungo che le qualità che ha suo figlio, non sono assolutamente secondarie all’interno di un contesto di gruppo. Così come è giusto cercare di educare, punire, ma non emarginare, un bambino dotato tecnicamente, ma maleducato, è altrettanto giusto permettere a chi è dotato di altre qualità, e meno di altre, di potersi comunque esprimere. Oltretutto in un contesto come la Real Virtus. Una società che offre un servizio alle famiglie ed ai bambini del posto, più per funzione sociale, che per spirito competitivo, di vittoria, di primato. E’ bello vedere che gli amici del paese, possano avere un luogo di ritrovo, per la propria crescita, visto che il nostro paese non ne offre di tantissimi. Le qualità di suo figlio, sia nella vita settimanale del gruppo, che nella domenica di gara, sono molto importanti per la squadra. Anche per raggiungere quei risultati che, ogni tanto, fanno bene al gruppo stesso. Perché suo figlio, soprattutto grazie a voi genitori è un bambino che è contento di giocare anche solo 5 minuti. Si impegna, col sorriso. Fa un po’ da contraltare rispetto a chi, dotato tecnicamente, gode della fiducia del mister, a volte, non meritandosela. E gioca magari controvoglia. Non so se c’era quando fece gol; io mi ricordo bene. E’ stato molto bello, vederlo esultare. Una scena quasi da film… chi l’avrebbe mai detto? Forse neanche io, di certo… però il calcio è anche questo. Se ha avuto quella piccola gioia, se l’è sudata tutta, suo figlio. Per questo è più bella! Non lo privi di quei 5 minuti se per lui sono importanti. Alla squadra mancherebbe anche un genitore come te. In un contesto dove tutti gli animi sono esagitati, c’è maleducazione, esasperazione, persone che credono di essere mamma e papà di Messi, Maradona e Van Basten, la sua voce fuori dal coro ed il suo profilo basso, sono un esempio per gli altri genitori. Ma forse, mi permetta di dirglielo, è un po’ troppo fuori dal coro. Talmente tanto che finisce per uniformarsi al coro stesso… se lascia perché suo figlio “è scarso” diventa come quelli che credono di avere il figlio “forte” e sbraitano da fuori alla rete, peggio dei cani randagi, pretendendo spazio ed importanza. E questa fine non se la meriterebbe, non la rappresenterebbe. Nel calcio ci vorrebbero più bambini come suo figlio e più genitori come lei. Pensaci e pensateci, anzi: ripensateci!”

lunedì 20 ottobre 2014

Giovanissimi: il film fotografico della partita contro il Capriate

Grazie e Mauro Federici per i bellissimi scatti fotografici.


Giovanissimi: Oriens-Capriate 1-1


Quinta giornata di Campionato: ospitiamo il Capriate, squadra già incontrata in amichevole a settembre. Già dalle prime azioni si vede che sarà una partita completamente diversa dalla precedente, che perdemmo. Le due compagini si scontrano a centrocampo, concedendo pochissimo l'una all'altra. 

Allievi: il film fotografico del derby

Grazie a Mauro Federici per i bellissimi scatti fotografici.


Allievi: il derby di Brembate finisce in parità

 

Grazie ragazzi, cosa può chiedere di più un mister ai suoi giocatori: impegno, agonismo, tutta la dedizione possibile per attuare in campo le cose che si sono apprese in allenamento, oltre a mettere nel gioco, tutte le energie che si hanno, grazie al lavoro svolto in settimana con il nostro bravo preparatore atletico.